Login
Spettacolo e Cultura * 15-Tempo-06 venerdì 16 aprile 2010
Spettacolo e Cultura
DALLA LIBRERIA DI CARLOTTA
IL TEMPO… PER LEGGERE
a cura di Carlotta Pistone

CLARE E IL SUO FUTURO IN HENRY. HENRY E IL SUO FUTURO IN CLARE
Brani scelti da “La moglie dell’uomo che viaggiava nel tempo”, di Audrey Niffenegger

INDIFFERENZA, SOLITUDINE, AFFLIZIONE: TRE PERSONAGGI
Brani scelti da “Gli ultimi giorni”, di Raymond Queneau

DIRETTAMENTE DALLA PENNA DI JULES VERNE, ALCUNE RIGHE DEL ROMANZO
Brani scelti da “Il giro del mondo in 80 giorni”, di Jules Verne

FANTASMA D’AMORE: UNA PASSIONE OLTRE I LIMITI DEL TEMPO
a cura di Diletta Gatti

L’ATTORE .. CHE PAZIENZA!
di Alessandra Basile

PASSO, RESPIRO, COLPO DI SCOPA
di Giuliana Dea

IL TEMPO DELLA LETTERATURA E DEL CINEMA
di Federica Flisio

IL TEMPO FILOSOFICO
di Marco Menna


         
 
L’ATTORE .. CHE PAZIENZA!
di Alessandra Basile

 “Accattate (prenditi) una sedia e aspetta”.

Così sembra avesse risposto l’indimenticabile Eduardo De Filippo1 ad un giovane aspirante attore speranzoso di conoscere dal grande veterano della commedia napoletana l’iter artistico migliore da percorrere.

Proprio così: l’attore che tale voglia essere professionalmente, ossia non solo come passione o interesse da coltivare insieme a tanti altri, dovrà anzitutto non avere fretta. Un consiglio ed una regola assai difficili da rispettare, poiché il dubbio più grande che un artista possa porsi è: “ce la farò? Quando?”, oltre che “come?”.

Il passaggio del tempo del resto costringe a un passaggio da un inquadramento di ruoli a un altro: spesso, infatti, non è la capacità attoriale né le physique du role o presenza scenica che determinano la compatibilità con un ruolo o un personaggio, bensì la mera età anagrafica. E chi, come me, non la rispetta fisicamente o semplicemente a primo impatto, e il primo impatto in questo mestiere conta assai, viene catalogato elemento difficile da – appunto – inquadrare.


Le agenzie legate al mondo dello spettacolo chiamano i loro iscritti quasi sempre in base all’età, mentre sarebbero auspicabili selezioni più appropriate che permettessero di risparmiare tempo inutile al “povero” attore in cerca di un “banalissimo” riconoscimento professionale. Mi sovvengono le  molte ore e giornate dedicate all’attesa pre-provino per qualche secondo di presentazione o battuta, cui si rischia di arrivare senza più energia, né memoria e con una non chiara idea del come si possa essere compresi caratterialmente e/o giudicati artisticamente in così poco tempo. È noto come svariati attori, famosi e meno, versino in una certa repulsione per i provini o casting, al punto da dover essere inseguiti dai loro manager perché li affrontino. Del resto rendere bene in sede di provino è una qualità, ma non necessariamente è garanzia di affidabilità tecnica-professionale, ossia di bravi attori.


Il tempo non è mai lo stesso, ciascuno di noi lo sa: un’ora può significare un’ imbarazzante brevità - si pensi al ripasso finale prima della temuta interrogazione - oppure di una lungaggine estenuante - si pensi all’attesa di una persona ritardataria o a sessanta minuti chiusi in un tubo per necessità di sottoporsi a risonanza magnetica. Tornando all’attore, si pensi che una intera giornata di lavorazione sarà impiegata per solo qualche minuto di girato o per 2-3 battute. Ma in questo caso la passione per il proprio mestiere fa vivere le attese come parte integrante di un grande progetto, del quale si è protagonisti o comunque elemento partecipativo attivo, con relativa soddisfazione.

Il tempo è qualcosa di così astratto, perché i nostri cinque sensi faticano nel coglierlo o non lo colgono affatto, eppure estremamente concreto, come si può percepire dalla sua firma sul corpo umano.

Il tempo non aspetta chi si ferma: esso procede inesorabile e l’unica certezza, se del domani non ve n’è – parafrasando il possente Lorenzo de Medici2, è oggi, è Adesso.
Dal passato si impara e si migliora, nel futuro si progetta e ci si proietta, nel presente si vive.
Il presente, però, è presto .. passato.
Tempus fugit, carpe diem3.

         
 

SCARICA QUI LA SHOKKING CARD
 


L'ERBBORISTA RISPONDE

MILANO, VIALE MONTENERO, 13

Vai dall'ERBORISTA Lacamomilla ,
avrai il 10 % di sconto sui suoi prodotti




CENTRO CULTURALE GAWASI
Milano, via delle Forze Armate, 179
cell.
333.2823538
con la Shokking Card
fai 3 massaggi e ne paghi 2
e tanto altro qui

         
Clan Agency
         
Assoetica
         



Copyright (c) 2000-2006
DotNetNuke® is copyright 2002-2010 by DotNetNuke Corporation