Germogli Homemade

Come coltivarli a casa in modo semplice con germogliatori made in Italy

di Laura Argelati

Pubblicato martedi, 19 novembre 2019

Rating: 5.0 Voti: 5
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Nato dal seme di una pianta, piccolo e delicato, un germoglio è un vero e proprio scrigno di benessere per il nostro organismo e dovrebbe far parte integrante della nostra dieta per assicurarci un carico di vitamine A, B, D, E, K, calcio, potassio, ferro, selenio, zinco, enzimi, proteine vegetali, aminoacidi e molto altro ancora.

Coltivare a casa questi minuscoli tesori è ben più semplice di quanto si possa pensare, basta munirsi deisemi delle piante prescelte e di un germogliatore facile da usare e funzionale.

L’azienda umbra Bavicchi propone ai consumatori che vogliono cimentarsi nellagermogliazione domestica una ampia gamma di semi e germogliatori automatici oppure manuali. Tra i manuali troviamo GeoJar, un barattolo facile da utilizzare, di minimo ingombro ed economico, perfetto per chi vuole iniziare la coltivazione a piccoli passi.

Per chi desidera una produzione maggiore e di più varietà di semi in contemporanea, il germogliatore Geo Plus, interamente made in Italy e realizzato in plastica senza BPA è la soluzione perfetta: con 3 piani di germogliazione e un quarto per la raccolta dell’acqua di innaffiatura, leggero e maneggevole per agevolare le operazioni di innaffiatura e pulizia, questo prodotto ha permesso di far conoscere a livello internazionale la linea Geo.

Stessa struttura a tre piani più il quarto di raccolta dell’acqua anche per l’elegante Germogliatore Geo Terradisiena realizzato in Italia in terracotta con crete toscane: questo materiale grazie alla sua porosità garantisce ai germogli un costante apporto di umidità e strizza l’occhio ai consumatori più attenti all’estetica dei prodotti.

Dal momento della pregerminazione in cui metterete in ammollo in acqua i semi a quando potrete gustarli, passerà solamente una manciata di giorni (da tre a sette a seconda della varietà prescelta), durante cui umidificare i semi un paio di volte al giorno.

Per chi preferisce invece un prodotto automatico piuttosto che manuale, la scelta può ricadere sul Germogliatore Automatico Freshlife Tribest oppure su Easygreen Auto Sprouter, quest’ultimo perfetto anche per farsi aiutare nella coltivazione dai piccoli di casa.

E per quanto riguarda i semi, la scelta non potrebbe essere più varia di quella già proposta da Bavicchi: fagioli adzuki, aglio, basilico, broccoletti, cavolo broccolo, cavolo rosso, cece, chia, crescione, erba medica, fagiolo mungo, fieno greco, finocchio, girasole, grano saraceno, lenticchia, lino, pisello, porro, ravanello, rucola, senape, soia, trifoglio oppure quattro diversi mix di semi.

Non vi resta che decidere quali germogli siete curiosi di gustare per primi, crudi o leggermente cotti a seconda della tipologia, ed iniziare a muovere i primi passi nella vostra esperienza di coltivazione domestica di germogli, certi che resterete stupefatti dalla semplicità di questo processo e deliziati dal risultato.


Leggi anche la recensione di Silvia Menini del libro "L'orto dei germogli" di Grazia Cacciola (edito da LSWR)
Tag:  Germogli, Germogliatori, Bavicchi, Geo Terradisiena, Geojar, Geo Plus, Coltivazione, Autoproduzione, Benessere, Made in Italy

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni