Una vita complicata di Carlo Alfieri

Le memorie paradossali e rocambolesche di una spia à la Forrest Gump

di Sabrina Minetti

Pubblicato giovedì, 28 giugno 2012

Rating: 5.0 Voti: 37
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Mursia
Igor è una spia rumena, che nel corso della sua onorata carriera opera all’interno dei servizi segreti di mezzo mondo, ma riesce a restare sempre fedele alla propria patria. Agente segreto con la vis comica dell’ispettore Clouseau e il diligente candore di Forrest Gump, Igor si ritrova nel cuore delle più importanti vicende della Storia del XX secolo e al cospetto dei “grandi” della Terra e del nostro immaginario collettivo.

Qualche esempio? In missione per scortare due inglesi in visita in Transilvania (indirizzati là, pensate, da un certo Arthur Conan Doyle), conduce la coppia niente po’ po’ di meno che dal Conte Dracula (che nel romanzo, anziché di sangue, è un iperbolico assetato di sesso…). Imbarcato sul Titanic, mentre tenta di boicottare un piano che egli stesso ha ordito (sferzante l’ironia sull’astruso altalenare delle alleanze fra le nazioni), Igor assiste a un esilarante litigio fra i due padri della psicanalisi, Freud e Jung. Persino per le atmosfere di un mito del cinema, Casablanca, passa il nostro e sul finir della storia incontra pure Hitler.

E al di là dell’invenzione, a ben guardare, la sinossi temporale è perfettamente plausibile, perché accurata è stata la ricerca (crono)logica dell’autore nel “ricostruire” la carriera del suo protagonista.
 
Ripercorrendo le avventure di Igor, Carlo Alfieri rivisita con humour d’alto bordo tutto l’armamentario classico della spy story: dalla noncurante prestanza di Igor, al calibro dei cazzotti che progredisce di capitolo in capitolo, dal gergo da duro, agli incontri con i più tipici “caratteristi” del genere, dall’impressionante quantità di lingue straniere che Igor apprende, alle donne belle da mozzare il fiato, dalle ambientazioni esotiche, a feste, ambasciate, vellutate carrozze di treni di lusso, piroscafi, comunicazioni in codice.

Con la scusa del paradosso, Carlo Alfieri si prende (e ci dà) la soddisfazione di togliersi (e di farci togliere) qualche “sassolino” dalla scarpa e gioca con la libertà di riscrivere a modo suo la Storia recente. Alludendo, sornione, al fatto che la “vera” Storia forse non corrisponde esattamente a quella che ci viene raccontata.

di Carlo Alfieri
2012, Ugo Mursia Editore
pp. 240   € 17,00


LEGGI L'INTERVISTA A CARLO ALFIERI IN MORSI DAL TALENTO
Tag:  Carlo Alfieri, Una vita complicata, Mursia, spia, agente segreto, spy story

Commenti

28-06-2012 - 10:25:01 - Carlo Alfieri
cara Sabrina, una recensione così sintetica e illuminante allo stesso tempo, mi ripaga delle notti passate a far quadrare le date di una storia che mette insieme personaggi ed incontri a probabilità zero, salvando nello stesso tempo la consecutio logica della narrazione.. Grazie|
12-07-2012 - 00:13:12 - sabrina
grazie a te, Carlo, per l'intervista concessa!
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni