Un pianeta pieno di plastica di Neal Layton

Capire la gravità dell’invasione della plastica per combatterla giorno dopo giorno

di Laura Argelati

Pubblicato martedi, 11 agosto 2020

Rating: 5.0 Voti: 9
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Editoriale Scienza
Un pianeta pieno di plastica, ecco la condizione della Terra che ci ospita. Nelle nostre case, nei luoghi di lavoro, a scuola, nei negozi, la plastica è altamente diffusa.

Abbigliamento in fibre sintetiche, contenitori per il cibo, pezzi di arredamento, oggetti di uso quotidiano. Basta guardarsi intorno per vedere plastica ovunque, letteralmente: già, perché siamo ormai così invasi da questo materiale non biodegradabile da trovarla sotto forma di rifiuto anche dove proprio non dovrebbe essere: nei parchi, nei fiumi, sulle spiagge, nei boschi, per le strade delle nostre città.

Se una foglia, un torsolo di mela, una buccia di banana riescono a biodegradarsi in natura nel giro di poche settimane, la plastica invece sopravvive decine e addirittura centinaia di anni, creando un danno immenso al nostro Pianeta.

Capendo l'entità del problema e facendo ogni giorno un piccolo passo per combatterlo possiamo fare la nostra parte, a tutela del nostro Pianeta e della nostra stessa vita. Come? Per iniziare evitando l’usa e getta, riciclando correttamente, riutilizzando.

"Un pianeta pieno di plastica" di Neal Layton è edito da Editoriale Scienza: un appassionante volume divulgativo per sensibilizzare i piccoli lettori a partire dai 6 anni e ispirare comportamenti sostenibili.


29 gennaio 2020, Editoriale Scienza
Pagine 32
Prezzo di copertina €13,90
Tag:  Un pianeta pieno di plastica, Neal Layton, Editoriale Scienza, Libri per bambini, Plastica, Inquinamento, Ecologia

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni