Le radici dell’amore di di Gyatso Tenzin (Dalai Lama)

Il racconto di una vita all’insegna della compassione in un affascinante volume per bambini

di Laura Argelati

Pubblicato giovedì, 17 settembre 2020

Rating: 5.0 Voti: 5
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Nord Sud Edizioni
Sua Santità il Dalai Lama, nato con il nome di Lhamo Dondrub nel 1935 nel villaggio tibetano di Taktser, ha scoperto sin da piccolissimo la gioia racchiusa nelle piccole cose, il valore della compassione e della condivisione e su di esse ha fondato la propria vita.

Lasciò il proprio villaggio natale e la propria famiglia ad appena quattro anni, quando alcuni monaci provenienti dalla capitale lo riconobbero come futuro Dalai Lama. Trasferito a Lhasa accompagnato da una carovana festante ed entusiasta, iniziò la sua istruzione formale come monaco, dedicandosi allo studio della lingua tibetana e sanscrita, della filosofia buddhista, della medicina, della poesia, della storia, della metafisica, della logica e del ragionamento.

Sempre più istruito, sempre più impegnato a costruire il proprio futuro, il fulcro della sua crescita è sempre stato il seme della compassione che germogliava dentro di lui.

Quella compassione segno di forza, valore da trasmettere agli altri e su cui creare qualcosa di positivo per il mondo, perché se è vero che non possiamo cambiare il passato, abbiamo però tra le nostre mani il potere di costruire un futuro migliore.


3 settembre 2020, Nord Sud Edizioni
Pagine 32
Prezzo di copertina €13,90
Tag:  Le radici dell’amore, Dalai Lama, Nord Sud Edizioni, Bao Luu, Libri per bambini, Amore, Compassione, Unione

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni