Zero Stereotipi

Un blog per diffondere cultura della comunicazione di genere. Perché comunicare senza stereotipare si può

di Valentina Paternoster

Pubblicato lunedi, 18 aprile 2011

Rating: 5.0 Voti: 2
Vota:
Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Per ora è un blog, con un decalogo chiarissimo su cosa è bene fare quando si vuole comunicare  in modo "gender friendly". Le ideatrici dell'iniziativa sono due blogger, Francesca Sanzo (già Panzallaria e Donne Pensanti) e Giorgia Vezzoli (già Vita da streghe e Poetry Attack), da tempo impegnate fuori e dentro la rete nella sensibilizzazione allo stereotipo. Già, perché la pubblicità soprattutto in Italia ne è piena: tette e fondoschiena spopolano a sproposito per promuovere qualunque cosa, dalla mozzarella alla macchina sportiva.
Eppure fare una comunicazione differente si può, soprattutto da quando il popolo in rete non subisce passivamente ma si informa, condivide, critica e promuove. La rete si è infatti rivelata per le due autrici dell'iniziativa il mezzo ideale per parlare a un popolo colto, sensibile e sensibilizzato, che in caso di pubblicità o comunicazione svilente è in grado di attivare un passaparola efficace che arriva, ormai periodicamente, negli uffici dello Iap insieme a una fiumana di mail.

Zero Stereotipi ha un'esperienza che parte dal basso e punta a portare tale istanza direttamente ad aziende e agenzie che hanno voglia di una comunicazione differente.
Francesca, una delle ideatrici del blog, dichiara: "Il decalogo nasce dall'esigenza pratica di coinvolgere e sensibilizzare chi fa comunicazione e le aziende che hanno bisogno di campagne di promozione: la comunicazione sessista NON paga, quella a zero stereotipi sì. Gli utenti stanno diventando sempre più consumatori critici e attenti e mentre su temi come lo sviluppo sostenibile e l'ambiente esiste già un movimento largo di consenso nei confronti delle aziende che investono su questi temi, crediamo che anche quello dell'impatto zero stereotipi sia un ambito in cui bisogna allargare la consapevolezza attorno alla possibilità di poter fare ottima comunicazione senza strumentalizzare il corpo della donna o usare stereotipi svilenti nei confronti di qualsiasi categoria". 

L'iniziativa del blog arriva peraltro in concomitanza con la presentazione del manifesto deontologico dei creativi che parla anche di questi temi. Zero Stereotipi si propone dunque a completamento e approfondimento di un argomento di interesse con il proprio "decalogo alla portata di tutti, che può essere utilizzato in licenza creative commons e che altro non è che un 'alert' circa la possibilità di poter fare comunicazione a zero stereotipi".
"Giorgia Vezzoli di Vita da Streghe ed io - conclude Francesca - ci crediamo moltissimo e proprio per questo mettiamo a disposizione anche la nostra esperienza e professionalità su questi temi che riteniamo fondamentale per una vera rivoluzione culturale".
E noi con loro.

Tag:  Francesca Sanzo, Giorgia Vezzoli, Vita da streghe, Zero Stereotipi, pubblicità, Panzallaria, Donne Pensanti

Commenti

19-04-2011 - 10:18:00 - Francesca Sanzo
grazie per aver diffuso il nostro decalogo e l'iniziativa. Se da una parte è fondamentale che siano i consumatori a muoversi criticamente, scegliendo anche in baso all'impatto sociale delle pubblicità, dall'altra è necessario che le aziende comincino a capire che un business "sano" è fondato anche su questi presupposti, per attivare un circolo virtuoso.
Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni