Milano celebra il debutto italiano di Shinique Smith e Zsolt Bodoni

Alla Brand New Gallery una riflessione artistica tra consumismo e celebrazione del potere

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
di Shinique Smith
Ospiti della Brand New Gallery di Milano, dal 10 novembre, i lavori di due artisti emergenti: si tratta di Shinique Smith e Zsolt Bodoni, entrambi al debutto nel panorama italiano.
Le due rassegne, curate dagli storici dell’arte Chiara Badinella e Fabrizio Affronti, noti per l’importante lavoro di scouting che esercitano all’estero, si svolgono in parallelo, portando nella metropoli scelte compositive e stilistiche estremamente differenti, sempre e comunque di forte impatto emotivo.
 
Shinique Smith, nata nel Maryland, presenta un percorso dal titolo “To the Ocean of Everyone Else”, un’esposizione che ricalca in parte i tratti costitutivi della città dove attualmente l’artista risiede, New York; le opere sono realizzate senza disegni né composizioni preparatorie e Shinique porta alla ribalta l’essenza della vita urbana, conferendole la dignità di arte.
 
Dai graffiti alla scultura minimalista, collage tridimensionali di corde e abiti smessi, la “frenetica meditazione” dell’artista conduce alla riflessione sul rapporto tra l’uomo e le cose, in una contemporaneità in cui è l’uomo stesso a essere posseduto dai propri oggetti.
 
Lesue opere, incluse nella mostra itinerante “30 Americans” organizzata dalla Rubell Family, pongono interrogativi esplorando le possibilità di un equilibrio tra astrazione e società del consumismo e, attraverso il colore e la forza espressiva delle cose, l’artista ricostruisce un legame tra esperienze individuali e universali, in una prospettiva non di biasimo, bensì di valutazione critica della società.

Sulla stessa scia si muove la rassegna dal titolo “Remastered” di Zsolt Bodoni, artista ungherese che risiede a Budapest, già noto nel settore per aver esposto i propri lavori a New York, Los Angeles, Londra.
 
Le opere di Bodoni esplorano l’archetipo del potere, dimostrando che dall’antichità classica al mondo contemporaneo i simboli di propaganda e di affermazione del sé si sono evoluti, stratificati, mantenendo sempre il ricordo di un originale di immediata comprensione.
 
La statuaria antica – dal nudo femminile al monumento equestre – muta nel tempo diventando oggi la celebrazione di personaggi dello spettacolo, gli eroi del mondo moderno. Nella ciclica fenomenologia dell’ascesa e caduta dell’eroe, Bodoni cattura la metamorfosi del potere, tra bellezza e morte, elementi bellici e languidi nudi, si ricreano icone senza tempo, sfumate nell’intensità delle tele.
 
Un ciclo espositivo imperdibile per la freschezza espressiva dei due artisti e l’immancabile riflessione sul sociale, sintomo di quanto l’artista – ancora oggi – sia portavoce del proprio tempo.     


Shinique Smith, To the Ocean of Everyone Else
Zsolt Bodoni, Remastered

In esposizione alla Brand New Gallery
Via Farini 32, Milano
Dal 10 novembre al 22 dicembre 2011
Tag:  Brand New Gallery, Shinique Smith, Zsolt Bodoni, artisti emergent, arte contemporanea, To the Ocean of Everyone Else, Remastered

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni