Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito) di Chiara Parenti

E se un addio al nubilato (non il nostro) ci facesse commettere cose così folli tanto da mandare in pezzi tutto ciò che abbiamo costruito?

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Rizzoli
Quante volte abbiamo ecceduto un po’ con l’alcol e ci siamo ritrovati a fare cose talmente imbarazzanti che il giorno dopo saremmo voluti scomparire? E finché non esistevano gli smartphone e Facebook ci andava ancora bene… le prove delle nostre follie non circolavano con tanta facilità. Ma cosa succederebbe se invece, in una notte di festeggiamenti senza limiti, rischiassimo di perdere tutto quello che abbiamo costruito?

Maia Marini sembra avere tutto dalla vita. Un fidanzato appartenente a una prestigiosa famiglia, un lavoro presso una delle più rinomate agenzie di comunicazione di Milano, tre amiche con cui condividere gli alti e bassi della vita. Finalmente anche un po’ di relax… ok, deve sempre tenere il cellulare a portata di mano in caso il suo capo esigente e pretenzioso chiami, e certamente non può non leggere le mail che arrivano incessanti anche durante il week end… ma una gita per l’addio al nubilato della sua amica Diana, nonché sorella del fidanzato, è comunque il pretesto ideale per staccare un po’ la spina. C’è solo un piccolo inconveniente: la meta prescelta è proprio la casa al mare dei futuri suoceri, in Versilia, dove Maia ha passato ogni estate fino ai suoi 16 anni lasciandovi il cuore. E rivedere quello che pensava fosse l’amore della sua vita, Marco, le ha dato proprio il colpo di grazia. Presa alla sprovvista dall’incontro, decide di infrangere, per una sera, la sua dieta a base di riso (per seguire la filosofia aziendale della famiglia del suo futuro sposo) e darsi ai mojito. Una volta risvegliatasi la mattina dopo, il post sbornia è pressante… e non è l’unica controindicazione della serata appena passata. Maia scoprirà infatti che ora rischia di perdere tutto quello per cui ha lottato negli ultimi anni

Ma se invece della fine non fosse che l’inizio?

Un romanzo fresco, frizzante, perfetto per una calda estate sotto l’ombrellone. Un romanzo non troppo lungo, capace comunque di soddisfare un po' tutti i gusti. Soprattutto grazie ai suoi coinvolgenti personaggi. Maia e Marco e il loro amore giovanile, Atena, soprannominata “Madre”, con il suo spirito arguto e velenoso, Tancredi, il capo che le rende la vita impossibile. E poi c’è Lapo, il fidanzato di Maia che verrebbe voglia di prenderlo a cazzotti… e le amiche fuori di testa di Maia, compagne di disavventure. Un libro ironico che non deve mancare nel vostro eReader!

Chiara Parenti è laureata in Filosofia. Giornalista pubblicista lavora nell’ambito dell’editoria e della comunicazione. Appassionata di scrittura creativa, è autrice di un manuale di scrittura e coautrice di diversi saggi. Il suo blog personale, Il giardino d’estate è online all’indirizzo chiaraparenti.blogspot.it. 

 

 

23 Luglio 2014, Rizzoli YouFeel
pp.134
prezzo eBook € 2,49
Tag:  Chiara Parenti, Rizzoli, YouFeel, Tutta colpa del mare (e anche un po' di un mojito), ebook, addio al nubilato

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni