Love.com di Patrizia Violi

E se scopri che il tuo fidanzato ti tradisce e odi il tuo lavoro?

Stampa Mail Bookmark Ingrandisci Rimpicciolisci
Courtesy of Emma Books
L’autrice di “Una mamma da Url” è tornata con un romanzo divertente e anche un po’ romantico.

La protagonista è Elisa, una giornalista che cerca di trovare lo scoop che possa cambiarle la vita. Difficile però, se le vengono sempre appioppate notizie di cronaca nera. Ma il lavoro non è l’unico cruccio della sua vita perché scopre ben presto che il suo fidanzato la tradisce e, quasi simultaneamente, il suo ex, mollato perché la tradiva, torna alla carica e sembra più innamorato che mai. Sarà poi vero?

Elisa, però, è concentrata sul suo nuovo articolo da scrivere. L’ennesima velina che, in un atto di gelosia, pare abbia preso a martellate la moglie del suo amante. Il suo avvocato, il bel Campitelli, è restio a concedere a Elisa un’intervista ma lei non molla la presa, determinata com’è a rendere giustizia alle donne prese in giro da uomini pieni di sé. E poi perché perdere l’occasione di rivedere l’affascinante avvocato che l’ammalia con i suoi modi garbati e il suo irresistibile sguardo?

A supportarla in questa impresa ci sono le sue due amiche del cuore: Ilaria e Miki, con cui si confida e con le quali condivide il lavoro (con Ilaria) e l’appartamento (con Miki).

Ma come finirà?

Un chick lit leggero e divertente, scritto da una penna scorrevole e semplice. Un testo curato che ci porta nel mondo del giornalismo pettegolo con personaggi non scontati.


Marzo 2015, Emma Books
pp. 100
Formato Kindle €1,99
Tag:  Love.com, Patrizia Violi, Emma Books, gossip, giornalista

Commenti

Di' la tua


Le foto presenti sul sito di Mondo Rosa Shokking sono prese in larga parte da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione,
non avranno che da segnalarlo alla redazione che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate

Testata giornalistica registrata. Registrazione numero 379 del 17 giugno 2008 presso il Tribunale di Milano Direttore Responsabile Stefano Martignoni